BI-BOx - SETUP 2018 (1).jpg
HANNO MEMORIE LE QUERCE Mostra personale di Massimiliano Gatti Testo critico di Angela Madesani 19.01.2018 │ 11.03.2018 Inaugurazione venerdì 19 gennaio 2018 alle ore 18.00. La mostra di Massimiliano Gatti si articola in due sezioni. La prima si concentra con immagini dedicate alla “villa triste”, Villa Schneider a Biella, che da luogo sicuro e abitazione di una ricca famiglia di industriali si trasforma durante la seconda Guerra Mondiale in luogo di coercizione e di violenza perpetrata dal comando delle SS Tedesche. La casa diviene prigione, la cura diventa tortura, la protezione diventa sopruso, così Villa Schneider diventa una delle tante “ville tristi”, in gran parte concentrate nel Nord d'Italia. La seconda sezione è una selezione di opere del progetto “Hanno memoria le querce” che comprende una serie di fotografie di Massimiliano Gatti e un video di Massimo Leonardi. Il tema di questa sezione è la Resistenza partigiana e la memoria che si ha di essa. Il titolo è mutuato da un titolo di un verso di una poesia di Luciano Gherardi che suggerisce l’immagine delle querce come ultime portatrici della memoria degli eventi. Massimiliano Gatti (1981) è nato a Pavia, dove tuttora vive e lavora.

HANNO MEMORIE LE QUERCE
Mostra personale di Massimiliano Gatti
Testo critico di Angela Madesani

19.01.2018 │ 11.03.2018

Inaugurazione venerdì 19 gennaio 2018 alle ore 18.00.

La mostra di Massimiliano Gatti si articola in due sezioni. La prima si concentra con immagini dedicate alla “villa triste”, Villa Schneider a Biella, che da luogo sicuro e abitazione di una ricca famiglia di industriali si trasforma durante la seconda Guerra Mondiale in luogo di coercizione e di violenza perpetrata dal comando delle SS Tedesche. La casa diviene prigione, la cura diventa tortura, la protezione diventa sopruso, così Villa Schneider diventa una delle tante “ville tristi”, in gran parte concentrate nel Nord d'Italia. La seconda sezione è una selezione di opere del progetto “Hanno memoria le querce” che comprende una serie di fotografie di Massimiliano Gatti e un video di Massimo Leonardi. Il tema di questa sezione è la Resistenza partigiana e la memoria che si ha di essa. Il titolo è mutuato da un titolo di un verso di una poesia di Luciano Gherardi che suggerisce l’immagine delle querce come ultime portatrici della memoria degli eventi.

Massimiliano Gatti (1981) è nato a Pavia, dove tuttora vive e lavora.